Monsai

I MONSAI sono i “bonsai” di Malo,
cappellini realizzati
con fili di cashmere rivalorizzato.
Il nome nasce dall’intreccio di due parole:
Malo e il nome dei bonsai, alberi tipici della cultura giapponese
che, curati a dovere, rimangono piccoli
e sono per natura diversi gli uni dagli altri. 

Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€180,00
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€70,00
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€150,00
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€150,00
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€70,00
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€70,00
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€150,00
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€150,00
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI
Cappello in cashmere, MONSAI

Cappello in cashmere, MONSAI

€70,00

Secondo la cultura giapponese, i bonsai e più in generale
i giardini zen, sono “luoghi dell’anima”,
ovvero luoghi con elementi naturali da accudire e amare. 
E così come nei giardini giapponesi l’anima assume un significato fondamentale, anche per questi cappellini l’anima è un elemento cardine. I fili vicini all’anima della rocca, il classico cono utilizzato nella produzione tessile, che normalmente verrebbero scartati, vengono invece raccolti, lavorati e rivalorizzati con pazienza e cura dalle mani delle maestranze, dando vita ai “bonsai” Malo. 

Malo esprime con i suoi MONSAI la propria anima ed essenza, sottolineando la sua filosofia. Questi morbidi capellini nascono infatti dalla volontà di utilizzare il cashmere sino all’ultimo filo della rocca, quello vicino alla sua anima, in un’ottica di recupero e sostenibilità.
La rivalorizzazione è un altro elemento fondamentale nella realizzazione di questi soffici cappellini. Non si tratta di riciclo o rigenerazione, che prevedono il recupero di filati non vergini, ovvero di filati provenienti da vecchi capi e impiegati per crearne di nuovi, ma si tratta di un vero e proprio lavoro di valorizzazione, ovvero l’utilizzo del miglior cashmere fino all’ultimo filo. 

"Un distillato di significati, valori e culture"

VEDI TUTTI